Rivista medica online
rivista-online

Il vaiolo delle scimmie

ll vaiolo delle scimmie è una zoonosi virale (un virus trasmesso all’uomo dagli animali) con sintomi simili a quelli osservati in passato nei pazienti con vaiolo, sebbene sia clinicamente meno grave. Con l’eradicazione del vaiolo nel 1980 e la successiva cessazione della vaccinazione contro il vaiolo, il vaiolo delle scimmie è emerso come il più importante orthopoxvirus per la salute pubblica. Il vaiolo delle scimmie si trova principalmente nell’Africa centrale e occidentale, spesso in prossimità delle foreste pluviali tropicali, ed è apparso sempre più nelle aree urbane. Gli ospiti animali includono una serie di roditori e primati non umani.
L’agente patogeno
Il virus Monkeypox è un virus a DNA a doppio filamento avvolto che appartiene al genere Orthopoxvirus della famiglia Poxviridae . Esistono due distinti cladi genetici del virus del vaiolo delle scimmie: il clade dell’Africa centrale (bacino del Congo) e il clade dell’Africa occidentale. Il clade del bacino del Congo ha storicamente causato malattie più gravi e si pensava che fosse più trasmissibile. La divisione geografica tra i due clade è stata finora in Camerun, l’unico paese in cui sono stati trovati entrambi i virus.
Ospite naturale del virus del vaiolo delle scimmie
Varie specie animali sono state identificate come suscettibili al virus del vaiolo delle scimmie. Ciò include scoiattoli di corda, scoiattoli arboricoli, ratti marsupi del Gambia, ghiri, primati non umani e altre specie. L’incertezza rimane sulla storia naturale del virus del vaiolo delle scimmie e sono necessari ulteriori studi per identificare i serbatoi esatti e come viene mantenuta la circolazione del virus in natura.
Focolai
Il vaiolo delle scimmie umano è stato identificato per la prima volta negli esseri umani nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo in un bambino di 9 mesi in una regione in cui il vaiolo era stato eliminato nel 1968. Da allora, la maggior parte dei casi è stata segnalata nelle regioni rurali della foresta pluviale del bacino del Congo, in particolare nella Repubblica Democratica del Congo, sono stati segnalati casi umani sempre più numerosi in tutta l’Africa centrale e occidentale.
Dal 1970 sono stati segnalati casi umani di vaiolo delle scimmie in 11 paesi africani: Benin, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Gabon, Costa d’Avorio, Liberia, Nigeria, Repubblica del Congo, Sierra Leone e Sud Sudan. Il vero peso del vaiolo delle scimmie non è noto. Ad esempio, nel 1996-97 è stato segnalato un focolaio nella Repubblica Democratica del Congo con un tasso di mortalità per casi inferiore e un tasso di attacchi più elevato del solito. È stato riscontrato un focolaio concomitante di varicella (causata dal virus della varicella, che non è un orthopoxvirus) e di vaiolo delle scimmie, che potrebbe spiegare cambiamenti reali o apparenti nella dinamica di trasmissione in questo caso. Dal 2017, la Nigeria ha subito un grande focolaio, con oltre 500 casi sospetti e oltre 200 casi confermati e un tasso di mortalità di circa il 3%.
Il vaiolo delle scimmie è una malattia di importanza globale per la salute pubblica in quanto colpisce non solo i paesi dell’Africa occidentale e centrale, ma anche il resto del mondo. Nel 2003, il primo focolaio di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa si è verificato negli Stati Uniti d’America ed è stato collegato al contatto con cani della prateria infetti. Questi animali domestici erano stati ospitati con ratti marsupi e ghiri gambiani che erano stati importati nel paese dal Ghana. Questo focolaio ha portato a oltre 70 casi di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti. Il vaiolo delle scimmie è stato segnalato anche nei viaggiatori dalla Nigeria in Israele a settembre 2018, nel Regno Unito a settembre 2018, dicembre 2019, maggio 2021 e maggio 2022, a Singapore a maggio 2019, e negli Stati Uniti d’America a luglio e novembre 2021. Nel maggio 2022 sono stati identificati più casi di vaiolo delle scimmie in diversi paesi non endemici (ad es.in Italia).
Trasmissione
La trasmissione da animale a uomo (zoonotico) può verificarsi dal contatto diretto con il sangue, i fluidi corporei o le lesioni cutanee o mucose di animali infetti. In Africa, la prova dell’infezione da virus del vaiolo delle scimmie è stata trovata in molti animali tra cui scoiattoli di corda, scoiattoli arboricoli, ratti in camicia del Gambia, ghiri, diverse specie di scimmie e altri. Il serbatoio naturale del vaiolo delle scimmie non è stato ancora identificato, sebbene i roditori siano i più probabili. Il consumo di carne e altri prodotti animali di animali infetti non adeguatamente cucinati è un possibile fattore di rischio. Le persone che vivono all’interno o in prossimità di aree boschive possono avere un’esposizione indiretta o di basso livello ad animali infetti.
La trasmissione da uomo a uomo può derivare da uno stretto contatto con le secrezioni respiratorie, lesioni cutanee di una persona infetta o oggetti recentemente contaminati. La trasmissione attraverso le particelle respiratorie delle goccioline di solito richiede un contatto faccia a faccia prolungato, il che mette a maggior rischio gli operatori sanitari, i membri della famiglia e altri contatti stretti dei casi attivi. Tuttavia, la catena di trasmissione documentata più lunga in una comunità è aumentata negli ultimi anni da 6 a 9 infezioni successive da persona a persona. Ciò può riflettere il declino dell’immunità in tutte le comunità a causa della cessazione della vaccinazione contro il vaiolo. La trasmissione può avvenire anche attraverso la placenta dalla madre al feto (che può portare al vaiolo delle scimmie congenito) o durante uno stretto contatto durante e dopo la nascita. Sebbene lo stretto contatto fisico sia un noto fattore di rischio per la trasmissione, al momento non è chiaro se il vaiolo delle scimmie possa essere trasmesso specificamente attraverso vie di trasmissione sessuale. Sono necessari studi per comprendere meglio questo rischio.
Sintomi
Il periodo di incubazione (intervallo dall’infezione all’esordio dei sintomi) del vaiolo delle scimmie è generalmente compreso tra 6 e 13 giorni, ma può variare da 5 a 21 giorni.
L’infezione può essere suddivisa in due periodi:
• il periodo di invasione (dura tra 0 e 5 giorni) caratterizzato da febbre, intenso mal di testa, linfoadenopatia (gonfiore dei linfonodi), mal di schiena, mialgia (dolore muscolare) e intensa astenia (mancanza di energia). La linfoadenopatia è una caratteristica distintiva del vaiolo delle scimmie rispetto ad altre malattie che inizialmente possono apparire simili (varicella, morbillo, vaiolo)
• l’eruzione cutanea di solito inizia entro 1-3 giorni dalla comparsa della febbre. L’eruzione cutanea tende a essere più concentrata sul viso e sulle estremità piuttosto che sul tronco. Colpisce il viso (nel 95% dei casi), i palmi delle mani e la pianta dei piedi (nel 75% dei casi). Colpiscono anche le mucose orali (nel 70% dei casi), i genitali (30%) e le congiuntive (20%), oltre alla cornea. L’eruzione cutanea evolve in sequenza da macule (lesioni con una base piatta) a papule (lesioni solide leggermente rialzate), vescicole (lesioni piene di liquido trasparente), pustole (lesioni piene di liquido giallastro) e croste che si seccano e cadono. Il numero di lesioni varia da poche a diverse migliaia. Nei casi più gravi, le lesioni possono fondersi fino a quando ampie sezioni di pelle si staccano.
Il vaiolo delle scimmie è solitamente una malattia autolimitante con sintomi che durano da 2 a 4 settimane. I casi gravi si verificano più comunemente tra i bambini e sono correlati all’entità dell’esposizione al virus, allo stato di salute del paziente e alla natura delle complicanze. Le carenze immunitarie sottostanti possono portare a risultati peggiori. Sebbene la vaccinazione contro il vaiolo in passato fosse protettiva, oggi le persone di età inferiore ai 40-50 anni (a seconda del paese) possono essere più suscettibili al vaiolo delle scimmie a causa della cessazione delle campagne di vaccinazione contro il vaiolo a livello globale dopo l’eradicazione della malattia. Le complicanze del vaiolo delle scimmie possono includere infezioni secondarie, broncopolmonite, sepsi, encefalite e infezione della cornea con conseguente perdita della vista. La misura in cui può verificarsi un’infezione asintomatica è sconosciuta.
Il tasso di mortalità del vaiolo delle scimmie variava storicamente dallo 0 all’11 % nella popolazione generale ed è stato più alto tra i bambini piccoli. Negli ultimi tempi, il tasso di mortalità del caso è stato di circa il 3-6%.
Diagnosi
La diagnosi clinica differenziale che deve essere considerata include altre malattie da eruzione cutanea, come la varicella, il morbillo, le infezioni batteriche della pelle, la scabbia, la sifilide e le allergie associate ai farmaci. La linfoadenopatia durante la fase prodromica della malattia può essere una caratteristica clinica per distinguere il vaiolo delle scimmie dalla varicella o dal vaiolo.
Se si sospetta il vaiolo delle scimmie, gli operatori sanitari dovrebbero raccogliere un campione appropriato e farlo trasportare in sicurezza in un laboratorio con capacità adeguate. La conferma del vaiolo delle scimmie dipende dal tipo e dalla qualità del campione e dal tipo di test di laboratorio. Pertanto, i campioni devono essere imballati e spediti in conformità con i requisiti nazionali e internazionali. La reazione a catena della polimerasi (PCR) è il test di laboratorio preferito data la sua accuratezza e sensibilità. Per questo, i campioni diagnostici ottimali per il vaiolo delle scimmie provengono da lesioni cutanee: il tetto o il fluido di vescicole e pustole e croste secche. Ove possibile, la biopsia è un’opzione. I campioni di lesione devono essere conservati in una provetta sterile e asciutta (senza mezzi di trasporto virale) e mantenuti al freddo.
Poiché gli orthopoxvirus sono sierologicamente cross-reattivi, i metodi di rilevamento dell’antigene e dell’anticorpo non forniscono una conferma specifica del vaiolo delle scimmie. I metodi sierologici e di rilevamento dell’antigene non sono quindi raccomandati per la diagnosi o l’indagine su casi in cui le risorse sono limitate. Inoltre, la vaccinazione recente o remota con un vaccino a base di vaccinia (ad es. chiunque sia stato vaccinato prima dell’eradicazione del vaiolo, o vaccinato più di recente a causa di un rischio più elevato come il personale di laboratorio dell’ortopoxvirus) potrebbe portare a risultati falsi positivi.
Per interpretare i risultati del test, è fondamentale che insieme ai campioni vengano fornite informazioni sul paziente, tra cui: a) data di insorgenza della febbre, b) data di insorgenza dell’eruzione cutanea, c) data di raccolta del campione, d) stato attuale dell’individuo (stadio dell’eruzione cutanea) ed e) età.
Terapie
L’assistenza clinica per il vaiolo delle scimmie dovrebbe essere completamente ottimizzata per alleviare i sintomi, gestire le complicanze e prevenire le sequele a lungo termine. Ai pazienti devono essere offerti liquidi e cibo per mantenere uno stato nutrizionale adeguato. Le infezioni batteriche secondarie devono essere trattate come indicato. Un agente antivirale noto come tecovirimat che è stato sviluppato per il vaiolo è stato autorizzato dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) per il vaiolo delle scimmie nel 2022 sulla base dei dati degli studi sugli animali e sull’uomo. Non è ancora ampiamente disponibile.
Se utilizzato per la cura del paziente, tecovirimat dovrebbe essere idealmente monitorato in un contesto di ricerca clinica con una raccolta dati prospettica.
Vaccinazione
Diversi studi osservazionali hanno dimostrato che la vaccinazione contro il vaiolo è efficace per circa l’85% nella prevenzione del vaiolo delle scimmie. Pertanto, una precedente vaccinazione contro il vaiolo può causare una malattia più lieve. La prova di una precedente vaccinazione contro il vaiolo può essere solitamente trovata come una cicatrice sulla parte superiore del braccio. Al momento, i vaccini contro il vaiolo originali (di prima generazione) non sono più disponibili al pubblico. Personale di laboratorio o operatori sanitari potrebbero aver ricevuto un vaccino contro il vaiolo più recente per proteggerli in caso di esposizione agli orthopoxvirus sul posto di lavoro. Un vaccino ancora più recente basato su un virus vaccinale attenuato modificato (ceppo di Ankara) è stato approvato per la prevenzione del vaiolo delle scimmie nel 2019. Si tratta di un vaccino a due dosi per il quale la disponibilità rimane limitata.
Prevenzione
Aumentare la consapevolezza dei fattori di rischio e educare le persone sulle misure che possono adottare per ridurre l’esposizione al virus è la principale strategia di prevenzione del vaiolo delle scimmie. Sono attualmente in corso studi scientifici per valutare la fattibilità e l’adeguatezza della vaccinazione per la prevenzione e il controllo del vaiolo delle scimmie. Alcuni paesi hanno o stanno sviluppando politiche per offrire il vaccino a persone che potrebbero essere a rischio come il personale di laboratorio, i team di risposta rapida e gli operatori sanitari. ( FONTE:OMS)

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/monkeypox .

La Redazione

Share This: